La Carta dei Servizi Sociali

Informazioni
La legge 08.11.2000, n. 328 “Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”, attribuisce ai Comuni la titolarità delle funzioni amministrative concernenti gli interventi sociali svolti a livello locale. Questi interventi interessano il nostro quotidiano, specie in corrispondenza di passaggi importanti (come la nascita di un figlio o l’uscita dal mondo del lavoro) o di eventi imprevisti (come una malattia, un incidente o la perdita di un familiare) o di situazioni maturate nel tempo (la permanenza di una persona inferma presso l’abitazione o uno stato di disoccupazione). Alcuni di questi momenti o condizioni sono facilmente prevedibili e ci si può preparare adeguatamente per una corretta e buona gestione, altri, invece, colgono alla sprovvista e inducono alla ricerca di soluzioni d’emergenza. Per tutti i casi, l’Amministrazione Comunale è in grado di rispondere con l’erogazione di servizi e/o sussidi economici, ai quali tutti i cittadini hanno il diritto di accedere, se ne ricorrono le condizioni. La fruizione di questo diritto passa, in primo luogo, dalla corretta informazione, che costituisce, senza ombra di dubbio, il primo diritto che il Comune deve assicurare per una partecipazione del Cittadino alla vita della Comunità. La Carta dei Servizi Sociali riveste, allora, il ruolo di informare con chiarezza e puntualità circa le prestazioni pubbliche proposte dal Comune e dichiarare ai cittadini quali sono i diritti e gli impegni del Comune stesso nella attività offerta, con particolare attenzione alla garanzia di qualità. La Carta dei Servizi enuncia, pertanto, i principi fondamentali cui deve ispirarsi l’azione del Comune nei confronti dei Cittadini ed illustra, successivamente, per aree tematiche, tutte le prestazioni offerte e le relative garanzie di qualità.


Tutte le schede